Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Venerdì 19 Ottobre 2018 - stagione 2018/19

Anno dopo anno gli incontri tra BCB e Delser sono oramai una costante, tante stagioni insieme fino al maggio 2015 quando una finale combattutissima è valsa il ritorno in A2 proprio delle bolzanine seguite poi dalle friulane solo 12 mesi dopo.

Sono riprese così le trasferte Bolzano-Udine, con dirigenze e giocatrici che si conoscono oramai bene e quest’anno si aggiunge l’ottima conoscenza e stima tra i due nuovi allenatori, oltre al passaggio di Elisa Mancabelli che fino allo scorso anno giocava per la Delser e ora è una delle protagoniste dell’Itas Alperia Bolzano (migliore in campo nell’ultima giornata contro Ponzano).

“Affrontiamo Udine che è in testa alla classifica a punteggio pieno. – spiega coach Roberto “Cico” Sacchi - Fino ad ora ha avuto forse anche un buon calendario, ma ha sempre dominato sia con Vicenza sia con Albino. Sabato scorso ha avuto poi la fortuna di vincere contro Marghera a tavolino (0-20), per il mancato arrivo del medico nei tempi previsti.

Affrontiamo una squadra sicuramente in salute che arriva sull’onda dell’entusiasmo. L’abbiamo vista giocare durante il Memorial Paola Mazzali, è un gruppo parzialmente rinnovato, con una nuova straniera, Ana Ljubenovic, partita molto bene sta facendo grandi numeri. Due neo acquisti giovani, Elena Vella e Giulia Ianezich che nonostante l’età hanno già buona esperienza di A2 e che Iurlaro conosce molto bene perché oltre ad allenarle a Udine le ha anche in Nazionale U18.
Questi tre importanti innesti si sono aggiunti ad un gruppo storico già dalla buona base, a partire da Vincenzotti, Rainis, Romano e Bianco, che fa di loro di una squadra difficile da affrontare, soprattutto fuori casa.

Iurlaro è un coach di lusso per la categoria e anche con Udine sicuramente farà bene, è già riuscito ad imporre il suo gioco che sta dando buoni risultati. La loro arma principale è la difesa con molta zone press, e continui cambiamenti che mettono in difficoltà le avversarie, come accaduto nelle prime 2 giornate.

Vincere aiuta a vincere e dona morale, l’abbiamo visto dopo la nostra bella partita di sabato scorso e spero quindi che porti bene anche a noi

Abbiamo lavorato bene anche questa settimana e la vittoria di sabato ci ha portato maggiore serenità, e il sorriso sulle labbra. E’ chiaro che si dovrà trasformare il buon lavoro in una buona partita, sono quindi curioso di vedere in una prova del genere come ci comportiamo”.

 

(in foto la giovane play/guardia Ilaria Ruocco - per lei contro Ponzano 9 punti con "3 bombe")