Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Venerdì 26 Aprile 2019 - stagione 2018/19


La terza partita in sette giorni e con la permanenza in A2 oramai messa al sicuro, le ragazze bolzanine si apprestano a far visita alla squadra che quest’anno le ha fatte tribolare maggiormente.

All’andata infatti le padrone di casa sono riuscite a rimanere in partita solo nel primo parziale per poi dare il via libera alle torinesi che hanno sfoderato una partita praticamente perfetta.

Coach Sacchi: ”Sperando che non sia l’ultima, andiamo a Torino cercando di provare a fare una partita migliore di quella giocata mercoledì in casa contro Vicenza.
E’ chiaro che non abbiamo più energie, ma avendo la nona posizione già in tasca e quindi nulla da perdere, chissà, forse il fatto di poter giocare serene senza nessun tipo di pressione potrebbe sorprenderci. Fino a quando la matematica non ci chiude la porta dei play-off abbiamo il diritto di provarci e di onorare fino in fondo il campionato dopodiché si vede cosa succede.

Certo che all’ultima giornata troviamo la squadra più ostica che ci potesse capitare, oltretutto dopo due partite in tre giorni. Loro sono di una fisicità pazzesca, ce le ricordiamo bene dall’andata quando la nostra squadra era quasi al completo e le forze ben altre. Milano però insegna, mercoledì è entrata in campo con più voglia di vincere di loro ed ha fatto una prestazione superba. Ci proveremo, tenendo conto che loro alla già fortissima squadra hanno aggiunto una certa Valeria Trucco, che sicuramente non ha bisogno di presentazioni. E’ una squadra che vuole andare in A1 e farà la sua partita, anche per riscattarsi dall’ultima e guarda caso arriviamo proprio noi. Vada come vada cerchiamo di essere tutti orgogliosi di quanto abbiamo fatto, indipendentemente da infortuni o no. L’obbiettivo lo abbiamo centrato con anticipo poi è chiaro che stando dentro ai play-off per 28 giornate vederselo sfuggire alla fine fa un po’ male. Bisogna però essere realisti e obiettivi dando merito a chi ci andrà, questa è la legge dello sport.”