Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Domenica 29 Aprile 2018 - A2 Stagione 2017/18


C.U.S. Cagliari - Itas Alperia Bolzano 57 – 45
(15-9, 29-27, 48-37, 57-45)
 

L’Itas Alperia in terra sarda contro il Cus Cagliari, che aveva assoluto bisogno dei 2 punti per salvarsi, gioca male e litiga con il canestro ma si riconferma anche per la stagione 2018/19 in serie A2 Nazionale.

Di certo non una delle migliori partite, in un campionato comunque giocato in modo alquanto altalenante dove le bolzanine hanno contrapposto grandi prestazioni a scivoloni pesanti, il BCB chiude questa pazza stagione, in un girone particolarmente competitivo, riuscendo a mantenere la serie A senza dover passare per le forche caudine dei play out.

Una buona mano è arrivata dal campo di Udine dove le padrone di casa dopo un lento avvio hanno avuto la meglio sull’altra squadra sarda, il Selargius, costringendolo a dover ancora prolungare la stagione.

Bolzano parte bene, ma già a metà del primo parziale le sarde si fanno subito sotto e allungano chiudendo sul 15 a 9. Nonostante appaia subito chiaro che la serata al tiro non è di certo delle più prolifiche, nei secondi 10 minuti il BCB ci crede e riapre la partita (29-27).
Purtroppo la scarsa mira e il fatidico quarto che questa stagione è stato quasi un marchio di fabbrica, non danno scampo alle altoatesine che iniziano a cedere del tutto lasciando spazio al Cus che fa suoi questi 2 punti che anche per le sarde significano salvezza. 
Alla fine per Bolzano in doppia cifra Safy Fall (top scorer con 16 punti e miglior valutazione Lega con 18) e l’instancabile Daniela Servillo (10 punti e 40 minuti di gioco), per le sarde Sorrentino (13) seguita da Rossi e Ridolfi (10).
 

Capito che oramai la partita era andata, diventavano fondamentali i risultati dai campi di Milano e Udine, dove 2 inseguitrici dell’Itas Alperia erano alla disperata ricerca dei punti salvezza per raggiungere appunto le bolzanine.

Se da Milano (Milano 51-65 Fanola) il verdetto non era positivo, dal Friuli la Delser Udine stava confezionando il secondo regalo stagionale per il BCB, dopo aver infatti perso a Bolzano 1 settimana fa, ieri sera è riuscito a battere il Selargius (66-62), lasciandolo così invischiato nella zona play out.

Con la consapevolezza quindi di non aver giocato una buona partita, alla notizia dei risultati delle avversarie è scoppiata la doppia festa per entrambe le contendenti sul parquet di Cagliari, Bolzano e Cus salve entrambe. Per la classifica avulsa Itas Alperia Bolzano 11°, Cagliari 12° e San Martino 13°.

Dalle parole di coach Travaglini il punto sulla partita e su tutta l’intera stagione delle sue ragazze: “Sapevamo dopo la vittoria di sabato scorso che le possibilità di salvarci senza ricorrere ai play out erano molto alte e che guardando tutte le possibilità avremo dovuto fare proprio un disastro. Come al solito dopo metà partita siamo andati in tilt come spesso ci è successo. Pochissima lucidità in attacco e scelte spesso sbagliate troppe giocatrici con le polveri bagnate. Si poteva e si doveva vincere ma così non è stato. Cagliari ha giocato con la giusta determinazione e alla fine ha meritato la salvezza.

Per quello che riguarda la stagione la squadra era stata costruita bene e con l'organico di partenza secondo me avrebbe potuto arrivare molto più in alto. Ma troppo presto abbiamo perso Giordano P e Lorenzi. E da quel momento anche una serie d'infortuni non mi hanno quasi mai permesso di allenare la squadra al completo. Una sofferenza continua sempre a rincorrere, non si faceva in tempo a recuperare una giocatrice che se ne infortunavano altre 2 e così per tutto l'anno. Questi secondo me sono anche i motivi per queste nostre prestazioni che non hanno mai avuto continuità. Lo staff di quest'anno ha lavorato al massimo credo che di più non poteva fare. Gustiamoci questa salvezza e nient'altro

C.U.S. CAGLIARI: Ridolfi* 10 (2/6, 2/5), Gaetani NE, Rossi* 10 (4/11, 0/2), Sorrentino 13 (5/10, 1/2), Borsetto* 3 (0/2, 1/1), Caldaro* 8 (4/10 da 2), Zucca NE, Lewis 9 (3/6 da 2), Aielli NE, Niola* 4 (2/2, 0/3), Santoru NE, Mancini NE
Allenatore: Xaxa F.
Tiri da 2: 20/47 - Tiri da 3: 4/13 - Tiri Liberi: 5/6 - Rimbalzi: 46 6+40 (Caldaro 9) - Assist: 16 (Rossi 4) - Palle Recuperate: 5 (Sorrentino 2) - Palle Perse: 18 (Borsetto 4)
ITAS ALPERIA BOLZANO: Ribeiro Da Silva*, Servillo* 10 (3/9, 1/6), Cela 2 (0/1, 0/2), Fall* 16 (4/10, 2/5), Matic* 4 (2/8, 0/2), Desaler 5 (1/3, 1/1), Pobitzer* 2 (1/6, 0/1), Zangari NE, Villarini 3 (1/2 da 2), Ruocco 3 (1/3 da 3), Valoroso NE
Allenatore: Travaglini M.
Tiri da 2: 12/42 - Tiri da 3: 5/23 - Tiri Liberi: 6/11 - Rimbalzi: 40 10+30 (Matic 10) - Assist: 9 (Servillo 3) - Palle Recuperate: 9 (Servillo 3) - Palle Perse: 14 (Servillo 4)
Arbitri: Castellano V., Berlangieri C.

CLASSIFICA Serie A2 femminile girone A:
1° GEAS Sesto San Giovanni: promossa direttamente in A1

2° Costa Masnaga, 3° Alpo Villafranca, 4° Eco Program Castelnuovo S., 5° Tec-Mar Crema, 6° Giants Marghera, 7° VelcoFin Vicenza, 8° Il Ponte Casa d'Aste Milano, 9° Delser Udine: play off

10° Fassi Albino, 11° Itas Alperia Bolzano, 12° C.U.S. Cagliari, 13° Fanola San Martino: confermate in A2 per la stagione 2018/19

14° Carosello Carugate , 15° San Salvatore Selargius: play out

16° G&G Pordenone: retrocessa direttamente in B